Acquario

Regala subito una stella della costellazione dell'Acquario

ACQUARIO (Aquarius)

21 gennaio – 18 febbraio

LA COSTELLAZIONE

L’Acquario è un’antichissima e grande costellazione formata da un vasto insieme di stelle poco luminose, specialmente nella parte ad est in cui si riconosce una moltitudine di stelline visibili come una cascata, come l’acqua versata da un’anfora. Rappresentata da un uomo che, con un braccio aperto verso la direzione del Capricorno, tiene in mano un lembo di un manto mentre con la mano dell’altro braccio, rivolto verso Pegaso, sostiene un’anfora dalla quale sgorga il Fluvius Aquarii che si snoda fino verso il Pesce Australe. E’ situata con i Pesci e col Capricorno nella parte di cielo detta delle “Acque Celesti”. La mitologia greca lo identifica con Ganimede, figlio di Tros, un bel giovane di cui Zeus si invaghì facendolo rapire da un’ aquila gigante (ricordata nella costellazione vicina all’Acquario), o rapendolo lui stesso in forma di aquila. Un’altra versione del mito ci dice invece che fu rapito da Eos e che in un secondo momento Zeus glielo rubò. Trasportato sull’Olimpo gli dette l’incarico di servire l’ambrosia agli dei. In questo mito l’acqua versata da Ganimede rappresenta il nettare divino degli dei, la conoscenza e la saggezza che avvicinano agli dei. Altri sono i i miti “acquariani” tra cui il mito di Icaro e Dedalo, anticipatori del primo volo umano, che celebra la potenza dell’ingegno e il mito di Prometeo (colui che viene prima), che ruba il fuoco agli dei per donarlo agli uomini.

LE STELLE

Molte delle stelle dell’Aquario hanno nomi che iniziano con Sad- : dall’arabo, sa’d, che significa fortuna, le principali sono:

  • β Aquarii, Sadalsuud «il fortunato dei fortunati»
  • α Aquarii, Sadalmelik «il fortunato del re»
  • δ Aquarii, Skat o Scheat «stinco»
  • ζ Aquarii Sadaltager
  • γ Aquarii, Sadachbia «la stella fortunata delle cose nascoste» fa parte di quelle che molti nomi antichi indicano come “stelle fortunate”.

Le stelle γ, ζ, η e π Aquarii formano un asterismo chiamato Urna, che rappresenta la brocca piena d’acqua. Dall’Acquario si originano due sciami meteorici le Eta Aquaridi (4 maggio) e le Delta Aquaridi (28 giugno).

IL SIMBOLO

Il geroglifico dell’acquario è il simbolo egizio dell’Acqua ripetuto due volte. E’ un segno di Aria poiché l’acqua che esce dall’anfora è di natura aerea ed eterea, ha il carattere fluido dell’aria e dell’acqua. Si dice sia l’oceano aereo in cui ci immergiamo e simboleggia l’ingresso dell’individuo ad uno stato superiore, ad una partecipazione all’universo. Il pianeta dominante è Urano anche se in antichità era Saturno, la qualità è fissa. I nati sotto questo segno questo sono amanti della libertà, di ampie visioni proiettate verso il futuro, intelligenti, socievoli e di grandi ideali. E’ il segno dell’amicizia e della collaborazione, infatti vedono l’amore come un unione quasi fraterna, tra amicizia e libertà.

LE PIETRE, L’ESSENZA E IL COLORE

Le pietre associate a questo sogno sono il quarzo poiché in natura si può presentare in varie vesti, come questo segno, e lo Zaffiro blu, considerata la pietra di Saturno, che simboleggia gli strati superiori dell’essere. L’essenza dell’Acquario è la Felce, i colori il blu, il bianco e l’argento.

Regala una stella

Inviaci una mail per richiedere tutte le informazioni su come battezzare la tua stella.